Hoteliers: 7 Consigli per connettersi con Twitter

Gli hoteliers spesso pensano a Twitter come a uno strumento per legare i clienti e affrontare le loro domande e i loro problemi, fornendo informazioni locali, servizi e accordi. Ma Twitter oltre ad aiutare gli hotel a migliorare le esperienze dei clienti e incrementare la loro presenza online e la reputazione, è anche un grande alleato per connettersi con i giornalisti.

 title=

Non è rischioso come si pensa, specialmente nell’era delle recensioni online, dove tutte le questioni relative alla tua proprietà vengono messe in pubblico.

Se sei nuovo di Twitter, per prima cosa devi capire che il mondo di Twitter è principalmente positivo, il che rende la creazione di una relazione relativamente più semplice e con più probabilità che il messaggio venga espresso e possibilmente messo in luce nei media. (Anche se non ci sono mai garanzie!).

Potresti rimanere sorpreso dal numero di general manager, direttori vendite&marketing, senior brand executive, direttori e-commerce, revenue managers e altre figure dell’ambito alberghiero nel mondo, che ho avuto modo di conoscere via Twitter negli anni in cui mi occupavo di hotel per USA TODAY dal 2009 all’inizio del 2013. Se scoppiava una notizia sul loro mercato, hotel o catena, a volte ero io a contattarli per informazioni che a volte si tramutavano in vere e proprie storie.

Segui ReviewPro in Twitter

Se non hai mai pensato a Twitter in quest’ottica, è ora il tempo di iniziare. Perché? Nuovi studi e statistiche mettono in luce come ogni mese i giornalisti affollano Twitter. Alcuni confidano in Twitter per le notizie del momento, mentre altri lo usano per cercare argomenti e discussioni significative. Alcuni lo usano per trasmettere indagini (certo alcuni lo utilizzano in maniera ridotta e con riluttanza, perché il loro superiore ha detto loro di creare un account – ma questa è un’altra storia!).

7 Consigli per connettersi con TwitterScarica: 7 Consigli per connettersi con Twitter

Un esempio fresco: L’Oriella PR Network ha recentemente diffuso il 6° studio annuale sul giornalismo digitale, basato su una ricerca su circa 500 giornalisti in 14 nazioni come per esempio Brasile, Germania, India, Francia, Cina, Regno Unito e Stati Uniti. Ne è emerso che:

  • Il 59% dei giornalisti nel mondo dice di usare Twitter, contro al 47% dell’anno scorso;
  • Il 51% dei giornalisti nel mondo dice di usare Twitter, Facebook,Weibo e altri canali per raccogliere altre storie, contro il 35% quando la fonte è sconosciuta.

Con questi pochi consigli, puoi rendere più facile – e conoscere approfonditamente – l’arte della comunicazione con i giornalisti influenti che usano Twitter come strumento di reporting e di networking. Eccoli:

  1. 1. Identifica gli influencer: Probabilmente hai un’idea di chi vuoi conoscere. Per espandere l’elenco, cerca alcune parole su Twitter, HootSuite, TweetDeck o altri strumenti di Twitter in modo da poter vedere quali scrittori citano le tue parole chiave (e, potenzialmente, aggiungerci l’hashtag) come #hotel. In un articolo recente su questo stesso argomento, Mark Ragan – CEO di Ragan Communications – raccomanda l’utilizzo delle directory di Twitter come Twellow, wefollow or Muck Rack per trovare altri canali ancora sconosciuti.
  2. Presumi che la maggior parte dei giornalisti su Twitter voglia connettersi: Se un giornalista (a) è su Twitter e (b) lo usa regolarmente, le probabilità che voglia interagire con la gente in modo familiare e continuo, prendendo nuove informazioni e espandendo la lista delle loro fonti, sono molto alte. L’eccezione: se un giornalista ha un numero limitato di followers – non voglio certo generalizzare, ma diciamo circa meno di 100 – questo potrebbe essere un chiaro segnale che l’account è stato creato perché il capo ha detto di crearlo, ma non viene utilizzato efficacemente. Osserva i loro tweet precedenti per capire le loro interazioni passate.
  3. Primo passo – Retwitta: Come ogni buon professionista delle PR sa, non puoi creare una buona relazione semplicemente “chiedendo qualcosa”. Quindi è saggio presentarsi via Twitter semplicemente retwittando i loro tweet. Il giornalista noterà sicuramente che qualcuno lo segue e legge le sue cose. Il consiglio di Ragan: “Non chiedete loro niente”.
  4. Rispondi alle richieste dei giornalisti: Non rispondere con un’altra domanda come “C’è ancora tempo per rispondere?” Nello stesso momento in cui tu stai scrivendo, il giornalista starà probabilmente già considerando la tua risposta tardiva se non addirittura fastidiosa. Certo, il rischio associato a questi scenari è che pochi giornalisti inseguano ogni risposta ricevuta mentre fanno il report; più probabilmente seguiranno solo le più interessanti. Ma se sei dell’avviso “alto rischio = maggiore ricompensa”, allora questa strategia è per te.
  5. Aiuta un giornalista a costruire il proprio following su Twitter: Non ti aspettare mai nulla di ritorno, ma aiutare a costruire i following di una persona non rovinerà la relazione – anzi la consoliderà. Al di là dei retweet, puoi includerli su #TravelTuesday e #FollowFridaye/o altri. Come dice Ragan “Dare. Dare. Dare.”
  6. Ricorda, i giornalisti sono esseri umani: Tu sei nel settore dell’ospitalità per una ragione, giusto? Quindi non dimenticarti di riconoscere il giornalista come una persona anche se offre delle piccole informazioni. Se loro dicono che andranno in una particolare spiaggia e tu conosci il gelato più buono, avvertili! Sono volontari per una maratona? Augura loro buona fortuna. Non c’è bisogno di spingersi oltre questo – e non farlo quando li stai conoscendo, per quanto ovviamente dipende da entrambe le personalità dei soggetti coinvolti. Inoltre, va da sé che sia importante rispettare rigorosamente la condivisione di informazioni business-cultura adeguate che significa, per esempio, non buttarsi in sfuriate politiche, ecc ..
  7. Leggi un Tweet di un giornalista: Come per anni ha sostenuto Vivian Deuschl professionista veterano delle PR – leggere i pezzi giornalistici è una priorità – e questo non è certo differente nel nostro modernissimo mondo digitale. Scoprirai presto che hai dei gusti o delle cose che non apprezzi in comune con quella persona, conoscerai i loro argomenti preferiti e le fonti che preferiscono utilizzare.
    Durante una chiacchierata con un’amica giornalista al Natural Public Radio, ho saputo che lei non tollerare quando viene buttata in qualcosa che non ha nulla a che fare con il suo privato. Come si può darle torto? Assicurati di mostrare rispetto per il tempo del giornalista.

“La miglior cosa per coltivare una relazione con un giornalista, sia tradizionalmente che on-line, è leggere cosa mettono su Twitter e dare alcuni suggerimenti su altre ricerche delle quali potrebbero essere interessati a parlare” dice Deuschl, colei che per anni ha curato le relazioni pubbliche per la catena di hotel di lusso Ritz-Carlton dall’essere formata da pochi hotel fino ad averne più di 60. “Acquisisci credibilità con un giornalista, mostrandogli che tu non stai promuovendo il tuo cliente o la tua compagnia, ma vuoi aiutarli a raccogliere altre informazioni e risorse”.

Segui Barbara DeLollis su Twitter

Deuschl fa il punto della situazione sul diventare una risorsa. Un buon giornalista, ad esempio, si aspetterà che tu condivida nomi – inclusi quelli dei competitors – discutendo potenziali storie ideali. I giornalisti solitamente apprezzano le informazioni e saranno più inclini ad ascoltarti.

Segui ReviewPro su Facebook

Il mio ultimo suggerimento è quello di tenere sempre in mente che alcuni giornalisti si “buttano” più di altri. Ognuno di quelli che hanno seguito i miei Tweet, ad esempio, conosce quanti anni hanno i miei bambini e quanto io ami il buon cibo, il caffè forte, la ginnastica, alcuni tipi di musica e, certamente, viaggiare e incontrare nuova gente. Anche una piccola frazione di quell’informazione significa avere dozzine di informazioni per iniziare una conversazione. Non puoi mai sapere cosa potresti avere in comune con un giornalista fino a quando non leggi il suo passato.

Attraverso una comunicazione frequente, multidirezionale e legata con giornalisti chiave, gli hoteliers saranno in grado di comunicare in maniera più efficace e con risultati migliori le loro storie e i loro riconoscimenti, oltre a migliore e aumentare i loro media following attraverso le piattaforme social media.

Scarica Guida: Twitter per HotelScarica Guida: Twitter per Hotel

Salva il nostro blog tra i preferiti, torna a trovarci!